Taormina

Sono molte le notizie sull'origine di Taormina, ma dubbiose per la scarsa documentazione e attendibilità.
La fondazione di questo celebre centro turistico siciliano fu determinata dalla comparsa di qualche comunità di profughi greci provenienti dalla attigua città di Naxos, già conquistata in precedenza da Dionigi I di Siracusa e tra le più antiche colonie greche dell'isola, nel 358 A.C., origine che prevede un nome differente dall'attuale, cioè Tauromenion.

Con questa dominazione Taormina assume l'aspetto tipico delle varie colonie greche, iniziando dalla creazione dell'agorà, dall'acropoli posta in cima al Monte Tauro e dalla costruzione del Bouleuterion - indispensabile dimora del consiglio cittadino.
L'erezione di quello che è giustamente considerato il simbolo cittadino risale a questo periodo, il famoso Teatro Antico, costruito precisamente nel III secolo A. C. sfruttando la struttura morfologica della collina dove risiede e circondato da un panorama ammaliante includente due estremi geografici, il Vulcano Etna e la baia di Schisò.